Mary De Gennaro, una molfettese in tv
Una chiacchierata con la splendida presentatrice televisiva molfettese

Facendo zapping in tv, incontro su Telenorba un viso conosciuto. E' Mariarosaria De Gennaro,
splendida ragazza molfettese ormai diva televisiva, che probabilmente molti giovani molfettesi riconosceranno.
Mariarosaria ha condiviso con noi più giovani le solite serate al lungomare, nel locali cittadini ed ha
frequentato le scuole molfettesi. E da parecchio che non la si vede in giro ma ora ne abbiamo certamente capito il motivo.
Oggi Mariarosaria è impegnata in tv. Noi siamo riusciti a rubarle qualche minuto e a farle qualche domanda.

Ciao Mariarosaria, in molti ti conosciamo come Mariarosaria ma nei ormai abituata al tuo nome d'arte... Mary. Perché hai scelto questo nome?
Ho scelto il nome d’arte “Mary” perché e più semplice e tutti possono ricordarlo meglio, anche se forse a chi mi conosce da tempo suona un po' strano...

All’improvviso ti abbiamo vista in tv. Ma è curioso capire... com'è iniziata la tua carriera?
In modo del tutto casuale circa quattro anni fa. In realtà come molti sanno ho sempre avuto la passione per il mondo dello spettacolo, ma spesso tra il dire e il fare c’è dl mezzo il mare .... Mi trovavo a Lecce ad un provino per una fiction dl Rai Due ed in quell’occasione ho incontrato Giancarlo Montingelli, l’autore di Co.Mò, che mi ha chiesto dl partecipare ad una puntata di Co. Mò, anche se in realtà non avevo alcuna esperienza. Da quella puntata ne ho fatte altre 11, e poi altre due edizioni; in seguito ml ha chiamata Mino Barbarese per la sitcom "Ristretto di polizia”, l’anno successivo Uccio de Santis mi ha voluta come presenza femminile nel suo show itinerante "Stasera con Uccio” in tutti i teatri di Puglia e Basilicata.
Infine, dopo tante telepromozioni e spot pubblicitari, la famiglia Montrone, anche quest'anno, ha creduto in me e mi ha voluta alla conduzione di Co.Mò... E quella a partire dal 15 Ottobre sarà la mia terza edizione.

Coma si arriva ad un successo pari al tuo? Quali requisiti e attitudini sono necessarie?
Questo lavoro richiede costanza, sacrificio e disciplina. Anche se chi lo osserva dall'esterno può pensare che sia solo divertente o addirittura non lo considera un lavoro vero e proprio, ma dietro una sola puntata  di mezz’ora c’è un lavoro di settimane e settimane.